gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Sono più di 60 milioni gli animali d'affezione in Italia

di Redazione

Sono più di 60 milioni gli animali d'affezione in Italia: circa 30 milioni di pesci, 12,8 mln di uccelli, 7,3 mln di gatti, 7 mln di cani, 1,8 mln di piccoli mammiferi, 1,3 mln di rettili che generano un mercato che del valore di 2 miliardi di euro. A delineare il perimetro è la XII° edizione del Rapporto Assalco-Zoomark, il compendio annuale sul mondo dei pet, presentato oggi in occasione dell'inaugurazione di Zoomark International 2019 - il Salone internazionale b2b dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia organizzato da BolognaFiere e che, fino al 9 maggio, sarà ospitato al quartiere fieristico di Bologna. 

Il Rapporto è curato da Assalco, l'Associazione Nazionale tra le Imprese per l'Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, per Zoomark International, con il contributo di Iri Information Resources, della società di ricerche di mercato Doxa e dell'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Anmvi). Dal Rapporto emerge che il mercato dei prodotti per l'alimentazione dei cani e dei gatti nel 2018 ha sviluppato un giro d'affari di 2.082 milioni di euro, in crescita a valore del 1,5% rispetto all'anno precedente, con un tasso di sviluppo superiore a quello del largo consumo confezionato (+0,1% nel 2018). In particolare, il mercato degli alimenti per gatto rappresenta il 52,3% del totale mercato e vale 1.089 milioni di euro, mentre quello degli alimenti per cane 993 milioni di euro. 565.136 le tonnellate vendute in totale (-1,2% rispetto all'anno precedente), con un acquirente che - per quanto riguarda la composizione del carrello - si orienta sempre più verso prodotti premium e formati più piccoli. Considerando il periodo 2015-2018, il mercato si è sviluppato con un tasso di crescita annuo composto pari a +2,7% a valore (+1,2% il tasso del Largo Consumo Confezionato).

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam