gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Il Csm, Salvini e il rischio eversione

di Achille Lucio Gaspari

Il Csm, Salvini e il rischio eversione 

L’Associazione Nazionale Magistrati, il segretario del PD, perfino gli alleati grillini hanno rimproverato Salvini per le sue parole e i suoi atteggiamenti che sarebbero un attacco alla indipendenza della Magistratura. 

Vediamoli allora questi atteggiamenti e controlliamo queste parole eversive.

L’antefatto

Salvini ricevuta la busta contenente l’avviso di garanzia speditagli dal Procuratore di Palermo la ha aperta in diretta FB .Dove sta il gesto irriverente? Anzi si può dire che sia stato un complimento alla correttezza della Procura. Non raramente, e addirittura frequentemente quando si tratta di politici, siano pure capi di Governo , l’avviso di garanzia viene comunicato alle redazioni dei giornali prima di essere ricevuto dall’interessato che ne apprende l’esistenza a mezzo stampa. Salvini ha mostrato che nel suo caso si era tenuta una procedura corretta. Prima di aprire la busta ha specificato che ha grande rispetto per la Magistratura e per il lavoro che svolge, e che eventuali critiche sono rivolte alla singola persona e non all’intera organizzazione. Ha poi detto che ritiene di aver agito nell’interesse dei cittadini alla sola finalità di difendere gli italiani che rappresenta come Ministro dell’Interno. 

 

Cosa avrebbe dovuto fare? 

Dichiararsi colpevole e pentito come facevano gli arrestati rinchiusi nel carcere della Lubianka quando venivano interrogati da Beria durante l’era di StalinQuelli lo facevano perché sapevano che dichiararsi innocenti, come in effetti erano,  significava condannare alla morte anche le loro famiglie. Non siamo a questo punto in Italia e la libertà di parola e di giudizio dovrebbe essere garantita. Ma così si attenta alla indipendenza della Magistratura dicono i magistrati con le loro organizzazioni e anche quei partiti che sono più vicini ad alcune correnti della magistratura, vicinanza ideologica spesso comprovata da opportune candidature nelle elezioni amministrative e politiche. 

 

Magistrati e potere esecutivo 

Quando invece si attenta alla libertà del potere esecutivo da parte di alcuni magistrati? Ma non è mai successo viene detto dai difensori d’ufficio delle procure. Lascio stare il discusso periodo di Mani Pulite e anche la persecuzione giudiziaria di Berlusconi ,che pure ci ha messo del suo per farsi perseguire, e cito soltanto due esempi.

 

Storia passata ed esemplare 

Molti anni fa un Ministro della Sanità emise un decreto, su suggerimento dei tecnici del Ministero che facevano riferimento ad una recente pubblicazione scientifica, per abbassare le concentrazioni di acido erucico allora consentite nell’olio di colza in quanto sostanza tossica. La Comunità Europea intervenne per far ripristinare il livello precedente di concentrazione della sostanza perché trattavasi di materia comunitaria  e non era consentita una legislazione nazionale autonoma. Alla revoca del decreto intervenne il pretore di Trento che incriminò il Ministro per abuso d’ufficio e si stava preparando a processarlo nonostante che: il decreto era stato emanato a Roma e Trento non aveva la competenza territoriale, essendo in ipotesi un reato ministeriale la competenza era del Tibunale dei Ministri di Roma, essendo il ministro un parlamentare coperto da immunità, non poteva essere processato ma si doveva chiedere l’autorizzazione alla Camera dei Deputati. Come vogliamo chiamare questa iniziativa giudiziaria? Sembra un tentativo ,per quanto goffo, di ledere l’indipendenza del Potere Esecutivo. Assolutamente no ,dissero coloro che danno sempre ragione alla magistratura, si è trattato di un semplice errore. 

 

Magistrati e azioni disciplinari 

Bene se furono errori sono della stessa dimensione di un medico che pensa che gli uomini abbiano due cuori e un solo rene. Non gli fu comminato neanche un richiamo disciplinare. Più recentemente alla Università Luiss di Roma un magistrato che aveva fatto parte del CSM presentò un libro in cui parlava della attività che questo organismo svolge per le mancanze disciplinari dei magistrati. La frase più asettica pronunciata fu che nel palazzo del CSM la cosa più vera sono i fiori falsi di plastica. Salvini si è anche permesso di dire che i magistrati non sono scelti dal popolo, lui come gli altri parlamentari invece lo sono. Non è forse vero? Probabilmente intendeva anche un’altra cosa  e ciò è che in Italia i magistrati fanno tutti parte dello stesso Ordine e oggi lavorano per la procura, domani fanno parte del collegio giudicante. 

 

L’esempio Americano

Negli Usa ,che sono la più antica democrazia repubblicana, il Procuratore Distrettuale che rappresenta l’accusa non fa lo stesso mestiere del giudice, è invece un avvocato e viene eletto dal popolo proprio come i deputati e i senatori. Un principio affermato con forza dalla Rivoluzione Francese è la anti democraticità dei tribunali speciali, quelli per intenderci che erano composti da religiosi e giudicavano i preti e quelli composti dai nobili che giudicavano i signori per quei reati che invece erano competenza dei normali tribunali se gli imputati erano dei semplici cittadini. Nel nostro ordinamento questi tribunali speciali non esistono ,ma se un magistrato è accusato da un pubblico ministero e che è un collega ,e giudicato da altri colleghi ,questo non dà l’impressione di essere un tribunale speciale? 

 

Poteri e cittadini 

Per carità, nessuno vuole dire che esistono parzialità o favoritismi, ma la moglie di Cesare dovrebbe essere al di sopra di ogni sospetto, anche il più malevolo e ingiustificato. Negli Stati Uniti il Procuratore Distrettuale non è un giudice , ma un avvocato eletto dai cittadini, e nel processo penale il Giudice governa il dibattito ma non giudica; si limita a chiedere ad una giuria di cittadine :colpevole o innocente? In questo modo ogni cittadino ,a prescindere dal lavoro che svolge,è giudicato da altri cittadini che sono suoi pari.

Quando Salvini pensa a una riforma di tutta la giustizia ,quindi anche di quella civile con le sue incredibili lungaggini, pensa forse anche ai conflitti che dal 1993 in modo ricorrente contrappongono politica e giustizia e al modo di risolvere questo clima con una tutela reale dell’indipendenza dei tre poteri dello stato.

di Achille Lucio Gaspari

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam