gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Salvini indagato, quando i pm scendono in campo 

di Achille Lucio Gaspari

 

Salvini indagato, quando i pm scendono in campo 

 

Il procuratore della Repubblica di Agrigento ha contestato a Salvini ben tre ipotesi di reato; è una cosa da far perdere il sonno. Prima di entrare in argomento desidero fare una riflessione. 

 

Reati e sicurezza dei cittadini 

Chiunque commette un reato lo fa per trarne qualche vantaggio. Chi ruba un oggetto o se lo tiene o lo vende e ne usa il ricavato; questo è il suo vantaggio. L’azione di Salvini è invece amico personale giudizio unito a quello dei suoi sostenitori e tanti cittadini,  a vantaggio dei cittadini italiani e per essere più precisi a vantaggio del loro portafoglio, della loro sicurezza e della loro salute.

 

I costi per la collettività 

 I seicentomila clandestini portati in Italia dallo scellerato accordo stipulato dal governo Renzi costano per vitto, alloggio e anche ricarica del cellulare ben 5 miliardi di euro l’anno alle nostre tasche, cifra che potrebbe essere risparmiata o utilmente usata per aiutare i 5 milioni di cittadini che versano in condizione di povertà assoluta. Impedire che questo numero aumenti significa impedire un aumento dell’esborso. 

 

Delinquenti e carceri 

Le carceri italiane sono per metà piene di detenuti stranieri; certamente anche gli italiani commettono reati ma quanto incide su 60 milioni di abitanti il numero dei carcerati italiani? E’ a tutti evidente la sproporzione tra stranieri residenti e stranieri incarcerati. Se poi il conto si fa tra tutti i clandestini e quei clandestini che commettono reati la proporzione peggiora. E neanche tutti questi personaggi sono in galera; il nigeriano che ha sezionato la ragazza a Macerata era uno spacciatore noto alla polizia, il senegalese che pochi giorni fa ha violentato una quindicenne a Iesolo è noto alle forze dell’ordine per i suoi comportamenti. Salvini si adopera per rimpatriare tutti coloro che commettono reati ed evitare che da gommoni e barconi sbarchino altri sconosciuti di cui non sappiamo nulla. E’ noto che malattie infettive mai presenti in Italia oppure scomparse come la scabbia e la tubercolosi sono riapparse e quest’ultima in forma più aggressiva perché resistente a molti antibiotici. Anche sulla nave Diciotti c’erano persone affette da scabbia e tubercolosi. I soccorritori e anche i non pochi visitatori compreso il nostro procuratore si erano ben premuniti dal contagio. I centri di identificazione hanno le porte girevoli come gli alberghi; quanti sono i clandestini scomparsi di cui non si conosce ne il nome ne lo stato di salute? Chi conosce il problema si è premunito e difeso ma gli ignari cittadini? Ecco come è tornata la tubercolosi in Italia che non è più la malattia dei poeti e degli artisti ma è il morbo della povera gente. 

 

Le accuse a Salvini

Viene contestato a Salvini l’arresto arbitrario e il sequestro di persona, ma su quella nave nessuno è stato arrestato ne sequestrato. A prescindere dal fatto che qualcuno o è arrestato arbitrariamente o è sequestrato e le due cose insieme non possono coesistere, si è solo impedito di scendere a terra a delle persone sconosciute, alcune anche malate di malattie contagiose e prive di documenti. Provate voi senza documenti ad entrare negli USA, in Russia, in Cina ed in ogni altra nazione senza parlare dell’Australia. Non vi faranno varcare la frontiera e se arrivate per nave e il controllo di dogana viene fatto a bordo come talvolta accade, non vi faranno scendere a terra e nessun giudice si sognerebbe di contestare al ministro competente i reati di arresto illegale e sequestro di persona. L’accusa più fantasiosa, secondo chi difende politicamente Salvini,  è il reato di abuso di ufficio, articolo 323 del codice penale: salvo che il fatto non costituisca un più grave reato il pubblico ufficiale che nello svolgimento delle funzioniintenzionalmente procura a se o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto….. Se si tratta di danno ingiusto arrecato ai migranti allora è ricompreso nel sequestro di persona che è un reato più grave, se invece è un vantaggio patrimoniale cosa ci ha guadagnato in denaro Salvini?

 

E i cittadini italiani?

 Se invece il vantaggio patrimoniale è dei cittadini italiani che si risparmiano qualche spesa in più ,allora altro che ingiusto, per Salvini ci vuole una medaglia

Il danno Salvini tenta di arrecarlo agli affari dei trafficanti di uomini e alle ong che ci collaborano. Tenta di interrompere il flusso di denaro che arricchisce chi sfrutta il lavoro nero e le varie cooperative che lucrano sull’accoglienza; cerca di ostacolare la criminalità organizzata  che assolda e utilizza i clandestini.  anche molto fastidio alla Unione Europea fino ad oggi abituata a trattare l’Italia da servo sciocco.

I magistrati si preoccupano della indipendenza della Magistratura e della garanzia di godere di un potere soggetto solo alla legge; in questo sono tutti d’accordo come si può constatare dalle odierne prese di posizione nel CSM. Anche il potere esecutivo dovrebbe essere indipendente e tutelato nella sua indipendenza, ma mentre i magistrati sono tutti uniti per tutelare le loro prerogative i politici dei vari partiti si attaccano senza quartiere e credendo di conquistare il potere invece lo lacerano perché solo l’unione fa la forza.

 

Riflessioni di un ignorante in giurisprudenza 

Le procure hanno una competenza territoriale; fino a quando la nave non è attraccata al molo di Catania  i migranti non potevano scendere ;gli ipotetici reati si sono verificati quindi a Catania. Come mai la competenza se la è attribuita la procura di Agrigento?  Ma c’è da chiedersi il nostro procuratore ha aperto fascicoli sui trafficanti di uomini? E qui non parlo degli scafisti ma dei caporioni. Se non ci sono fascicoli come mai? E se ci sono ,sono contro ignoti ignoti ignoti? Se il potere giudiziario fosse usato non a fini di giustizia ma per costringere un altro potere dello stato si potrebbe configurare il reato descritto dall’articolo 338 :Minaccia ad un corpo politico dello stato. Chi lo dovrebbe contestare? Evidentemente un’altra procura. Io non ci crederei. Prima o poi altre elezioni ci saranno. Potrebbe anche capitare che il nostro bravo procuratore sia candidato, con la Lega non credo, ma forse con il PD o con LEU. Nessuna dietrologia però perché sarebbe solo una coincidenza e qualsiasi cittadino, qualunque sia il suo lavoro, ha il diritto di avere le sue opinioni politiche.

 

Un appello al ministro 

Caro ministro presto la mia penna a tantissimi cittadini patrioti per lanciare un appello. Sei nel giusto. Continua a difendere  gli interessi dei cittadini italiani. Ora l’alleanza di governo funziona ma tu lavora per conquistarti la maggioranza. In questo modo senza ricorrere a mediazioni o avere permessi potrai realizzare il programma del tuo partito, riforme comprese.

 

di Achille Lucio Gaspari

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam