gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Casa, prezzi in calo nel 2018

Il 2018 per i prezzi immobiliari è stato un anno di alti e bassi confermando la tendenza negativa degli ultimi anni, rallentando lievemente la caduta dei prezzi delle abitazioni, in calo del 3,7% rispetto al 2017, a una media di 1.753 euro al metro quadro.Non tutti i capoluoghi si sono comportati allo stesso modo: nella maggior parte i prezzi sono continuati a scendere, mentre in altri i prezzi hanno segnato una decisa ripresa. È il caso di grandi mercati come Firenze, Milano, Torino, Bologna e Napoli dove le case di seconda mano hanno chiuso l’anno con aumenti dei valori al metro quadro. Milano è stata protagonista assoluta nel 2018. In testa alla classifica della vivibilità stilata da Il Sole 24 Ore, il capoluogo meneghino ha visto un boom della domanda che si è tradotta in un aumento dei prezzi di vendita nell’ordine del 5,6%, a una media di 3.473 euro al metro quadro che la collocano sul podio delle città dove il mattone è più caro, dopo Venezia e Firenze. 

A Roma il ridimensionamento dei prezzi dell’usato è proseguito in modo meno intenso rispetto allo scorso anno, con un calo dell’1,9%, a una media di 3.120 euro Napoli è tornata in terreno positivo negli ultimi 12 mesi, con una correzione a rialzo dell’1,3% che porta i prezzi a 2.743 euro al metro quadro.Nel resto dei capoluoghi spiccano i cali a due cifre di Terni (-15,3%), Barletta (12,5%) e Teramo (-10,1%), mentre gli incrementi maggiori si registrano a Treviso (8,5%), Cuneo e Firenze (entrambe con un più 8,2%). Venezia (4.430 euro/m²) è la città più cara d’Italia, davanti a Firenze (3.719 euro/m²) e Milano (3.473 euro/m²). Caltanissetta è il capoluogo che vanta le case più a buon mercato considerando che qui il costo medio a metro quadro è di appena 703 euro al metro quadro

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam