gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Accordo coi dissidenti, il centrosinistra ritrova compattezza in Consiglio Regionale

di Maurizio Piccinino

Accordo coi dissidenti, il centrosinistra ritrova compattezza in Consiglio Regionale per approvare il bilancio e l'accordo trovato solo in serata per il via libera. Il consigliere Mario Olivieri di Abruzzo Civico, assente in mattinata, si e' presentato all'Emiciclo nel primo pomeriggio, anche con l'assessore Andrea Gerosolimo (Ac), malato e allettato nella sua Sulmona, per sottoscrivere con il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, un nuovo documento in cui si mette nero su bianco la svolta "nei metodi e nelle priorita'" nell'operato della maggioranza. "Non lo nego, sono state ore molto difficili - afferma Olivieri - fino a questa mattina ero convinto di non votare il Bilancio, visto che non arrivava la svolta che auspicavamo". Poi l'intesa e sulla nota programmatica per "un cambio di metodo, chiediamo di contare di piu', chiediamo una svolta nelle politiche per le aree interne e in quelle relative alla sanita', vogliamo essere messi in grado di poter rappresentare gli interessi dei territori che ci hanno votato, per risolvere i loro problemi". Il documento e' stato firmato anche da Donato Di Matteo, assessore del Partito democratico, che ha lasciato con il fiato sospeso la maggioranza con la sua assenza nella giornata di oggi, arrivando anch'egli a seduta iniziata, e nel suo intervento non ha risparmiato critiche alla sua coalizione. La sottoscrizione del documento e' la condizione per i tre, che gia' sono arrivati nell'agosto del 2015 (ma in quel caso il ribelle Dem era Luciano Monticelli) e poi a ottobre di quest'anno ai ferri corti con il centrosinistra, per chiudere la mini-crisi e votare il Bilancio.

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam