gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Berlusconi ricorda la ricostruzione dell'Aquila

di Redazione

"Molte cose nostre sono state vanificate dall'inerzia e dagli errori dei governi di sinistra non eletti dagli italiani che sono venuti dopo di noi". Silvio Berlusconi, ai microfoni di '6 su Radio 1' traccia un bilancio dei governi che lo hanno succeduto precisando: "Io credo - ha proseguito il Presidente Berlusconi - che si ricordino troppo poco i risultati straordinari dei nostri governi, risultati che sono stati realizzati senza mettere mai le mani nelle tasche degli italiani. L'Italia ha fatto dei passi in avanti anche grazie alle realizzazioni dei nostri governi, realizzazioni che purtroppo spesso la sinistra ha cancellato come il ponte sullo Stretto". "Se oggi l'Italia e' piu' corta - insiste - e' perche' si puo' andare da Roma a Milano in meno di tre ore e da Roma a Napoli in poco piu' di un'ora con l'alta velocita' ferroviaria. Se i ragazzi italiani hanno un anno di vita in piu' a disposizione e' perche' abbiamo cancellato il servizio militare obbligatorio. Se ci sono molti meno incidenti mortali sulle strade e' perche' abbiamo introdotto la patente a punti, infatti i morti sono passati da 7000 l'anno a 3200 all'anno. Se le vittime del terremoto dell'Aquila hanno ottenuto un tetto sicuro e dignitoso sotto il quale vivere in meno di cinque mesi e' tutto questo per il grande lavoro che il nostro governo ha saputo fare. Sono ben 46 le riforme che abbiamo realizzato come il fatto di essere riusciti a bloccare gli sbarchi dei clandestini; nel 2010 - ricorda - infatti sono sbarcati da noi in tutto l'anno 4406 clandestini. Non e' vero quello che hanno affermato alcuni componenti del nuovo governo, ossia che nel nuovo anno gli sbarchi sono molti diminuiti perche' gli sbarchi che sono avvenuti da noi in gennaio, sono esattamente uguali a quelli del gennaio dell'anno scorso con una differenza di poco piu' di 200 persone. Noi abbiamo fatto tante cose che, se avremo dagli italiani la responsabilita' di governare il Paese, dovremo rimettere in sesto come l'istituzione del Poliziotto, del carabiniere di quartiere, l'operazione 'strade sicure', le pattuglie di militari nelle strade". 

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam