gestionale telefonia Gestionale Telefonia

Largo Venezuela, al via i lavori a Montesilvano

di Redazione

Largo Venezuela sarà sistemata con nuove panchine, nuovi alberi e un camminamento che eviterà il passaggio sul prato. Un intervento, del costo di circa 25 mila euro che consentirà di rendere maggiormente fruibile, a residenti e turisti, un ampio spazio verde nel cuore della zona dei grandi alberghi. Un primo camminamento di betonella sarà parallelo alla curva, di larghezza di circa un metro; un secondo, invece, attraverserà in maniera longitudinale lo spazio verde e sarà di due metri di larghezza. Inoltre, è previsto l’arredo verde con piante, siepi e alberi di alto fusto adombranti e una decina di punti luce per illuminare l’area.

«L’attenzione della giunta Maragno al verde pubblico è sempre elevata e questo intervento, su largo Venezuela, lo dimostra ancora una volta -  spiega l’assessore al ramo, Ernesto De Vincentiis -. L’area aveva bisogno di una migliore sistemazione anche e soprattutto in virtù della posizione strategica, nel bel mezzo della zona degli alberghi e di uno spazio residenziale di alto pregio. I camminamenti, le nuove piante e i punti luce miglioreranno la vivibilità di largo Venezuela e, in generale, di tutta l’area circostante».

Intanto, è stato costituito in città il comitato Monumento - Largo Venezuela, presieduto da Antonio Locantore, Alessio Sarra e Giovanni Campagna. Il comitato nasce con lo scopo di donare alla cittadinanza una scultura da collocare in una porzione della piazza da cui prende il nome. Per tale motivo ha intrapreso una campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi, nominando come direttore artistico del progetto Massimiliano Scuderi, direttore della Fondazione Zimei di Montesilvano ed esperto di arte negli spazi pubblici.

«Il Comune di Montesilvano è onorato di questa iniziativa - spiega il sindaco Francesco Maragno - ospitare un monumento dedicato al grande Paese sudamericano è una testimonianza di riconoscenza nei confronti dei tanti concittadini che si sono distinti con il proprio lavoro all’estero e un omaggio al Venezuela martoriato da una crisi senza precedenti. L’intitolazione del largo e la possibilità di installarvi un monumento sono anche un messaggio beneaugurante con la speranza che, presto, il Venezuela torni a essere il grande Paese che abbiamo conosciuto nel secondo dopoguerra, anche da un punto di vista economico».

«I numeri della crisi odierna in Venezuela - aggiunge il presidente del comitato Antonio Locantore - sono impressionanti: secondo l’Encovi, studio realizzato dalla Fondazione Bengoa, nel 2016 il 32,5 per cento della popolazione ha consumato due o meno pasti al giorno, nel 2015 era l’11,3 per cento. La Caritas parla di una popolazione che nel 52 per cento dei casi vive in povertà estrema.  Il nostro progetto non sarà solo un gesto simbolico perché contiamo di avere donazioni, principalmente, dalle comunità italo-venezuelane nel mondo. La somma eccedente rispetto al costo del monumento sarà devoluta all’Associazione latinoamericana in Italia Ali onlus, che ha creato il progetto Ali per il Venezuela».

«Per il monumento è nostra intenzione indire un concorso internazionale a inviti -  sottolinea Massimiliano Scuderi - l’opera d’arte, dunque, sarà realizzata da uno dei più importanti talenti artistici contemporanei, venezuelani e italiani, i quali saranno chiamati a rispondere ai contenuti del bando, cercando quanto più possibile di coniugare le ricerche artistiche individuali con le istanze della comunità locale, nel rispetto della libertà espressiva e delle importanti motivazioni del progetto promosso dal comitato. Una giuria di qualità decreterà il vincitore attraverso una mostra dei bozzetti che verranno prodotti per la partecipazione al concorso».

Il comitato Monumento largo Venezuela ha aperto un sito internet www.commonvenezuela.org, e-mail: info@commonvenezuela.org  telefono: 333 1763756 

HTML 5 CSS 3
Powered by
GO Infoteam